DISTURBI DELL’EQUILIBRIO: GUARIRE SI PUO’

Scritto da Dario Urzi il 28 feb., 2017, su Postura ed equilibrio

Come un’epidemia si diffondono i disturbi dell’equilibrio, sempre più frequenti, sempre più intensi e destabilizzanti.

Come mai ?

I disturbi dell’equilibrio sono tipici disturbi della nostra epoca e del nostro stile di vita, sempre frenetico, incalzante, avaro di tempo e di spazio per riprendere fiato e rilassare una muscolatura sempre troppo tesa e contratta, un corpo sempre troppo teso e contratto, e anche un’anima…

Ascoltiamoci per un istante: non è forse vero che abbiamo la testa pesante e confusa, gli occhi secchi e affaticati, il collo e le spalle induriti come se fossero di marmo, il respiro appena percettibile quasi fossimo in costante apnea, la schiena rigida e l’addome congestionato ? E poi l’ansia che sempre ci accompagna, specie la notte e la mattina presto al risveglio.

Quando ci alziamo siamo già stanchi e, nella difficoltà di muoverci in modo sciolto e rilassato incontriamo, accanto alla rigidità ed alla tensione del collo e della schiena, la nostra instabilità, il senso di oscillazione, gli sbandamenti sino alle vertigini.

Allora ci muoviamo più lentamente ma con rigidità ancora maggiore, come se avessimo il freno a mano tirato, e la fatica diventa sempre più grande. E più ascoltiamo la nostra instabilità, le nostre continue e fastidiosissime oscillazioni, per non parlare poi di quel senso di rotazione che, quando all’improvviso ci travolge e si impossessa di noi, ci trasforma in statue di sale.

Che cosa si può fare ?

Molto, anzi moltissimo, ve lo assicuro. La conferma del fatto che si possa fare molto, anzi moltissimo, ed in tempi straordinariamente brevi, viene dalla mia diretta esperienza di terapia dei disturbi dell’equilibrio… provare per credere.

Potete vedere i tre video che ho pubblicato su YOU TUBE sui disturbi dell’equilibrio: sono certo che troverete molte risposte alle tante domande che ancora vi state ponendo.

VIDEO SUI DISTURBI DELL\’EQUILIBRIO

:, , ,
Nessun commento ancora ...

Lascia un commento