Tag: genealogia

L’eredità delle emozioni, delle paure, dei conflitti e dei desideri

Scritto da Dario Urzi il 23 giu, 2015, su Scuola del Benessere

Desidero riprendere a parlare di genealogia dopo aver tanto lavorato su me stesso e con tante altre persone in modo molto pratico, incontrando ed esplorando direttamente  il nostro grande albero genealogico e la sua storia con modalità molto simili, e in molti casi corrispondenti, a quelle che si utilizzano nelle costellazioni familiari.

Voglio iniziare ponendo una domanda:
“Come è possibile che giungano sino a noi, insieme al nostro patrimonio genetico, anche le emozioni e le passioni, le gioie e i dolori, le ansie e le paure, le rinunce, i rimpianti e i desideri non solo di nostra madre e di nostro padre ma anche di tante altre persone che ci hanno preceduto nella vita su questa terra e che nel loro insieme formano il grande albero della nostra genealogia?”.

Se riteniamo che ciò non sia possibile non è il caso che continuate a leggere questo post.

Se invece ritenete che una domanda del genere abbia un senso allora vale forse la pena di avventurarsi nella lettura delle righe successive.

(continua la lettura…)

Lascia un commento :, , , , , , , , Continua...

UN VIAGGIO COSTELLATIVO NEL NOSTRO PASSATO: LA GENEALOGIA DELL’ESISTENZA

Scritto da Dario Urzi il 10 ott, 2010, su Corsi e Percorsi, Scuola del Benessere

6 e 7 NOVEMBRE 2010 in Contrada Tezzetta a RECOARO TERME

Per INFORMAZIONI ed ISCRIZIONI telefonate al   3486712914   o scrivete a   equilibrioepostura@alice.it

Dopo la Cerimonia della Capanna del Sudore, qui sopra descritta, nella serata del 06 Novembre 2010, quando tutti saremo usciti dal Temazcal e ci saranno lavati, vestiti con abiti comodi e avremo cenato, ci raccoglieremo nella grande sala comune e ci faremo accompagnare in un viaggio verso le nostre origini dalla narrazione di mito antico.

Il mattino seguente, subito dopo la colazione che prenderemo tutti insieme alle 8,00 precise, svolgeremo la MEDITAZIONE DEL CUORE. Subito dopo ci sarà un primo momento di condivisione. Alle 9,30 del 7 Novembre 2010 avrà inizio l’esperienza collettiva di lavoro costellativo sulla GENEALOGIA DELL’ESISTENZA (qui di seguito descritta).

 ”Ogni giorno noi usiamo forze immense come i dormienti. Ciò che facciamo e pensiamo è colmo dell’essere dei nostri padri e dei nostri avi”. (W. Benjamin)

E’ del tutto normale che i nostri genitori abbiano proiettato su di noi i loro desideri e le loro paure, i loro valori e le loro aspettative, chiedendoci di fatto, anche solo con l’esempio del loro agire e del loro stile di vita, non solo di comportarci in un certo modo ma di “essere” in un certo modo. Ed è altrettanto normale che noi, piccoli bimbi bisognosi d’amore, di accettazione e di senso di appartenenza alla nostra famiglia, ci siamo in qualche modo adeguati a quelle richieste caricando sulle nostre fragili spalle quel pesante fardello di aspettative e di taciti accordi che per tanti anni, se non per tutta la nostra vita, porteremo inconsapevolmente con noi.

Ed è proprio la presenza di questa pesante ma sempre viva ed inconsapevole eredità che ci lega ad una sorta di “progetto parentale genealogico”, che il senso comune chiama impropriamente “destino”…..

(continua la lettura…)

2 Commenti :, , , , , , Continua...

L’importanza del nostro albero genealogico

Scritto da Dario Urzi il 21 feb, 2010, su Scuola del Benessere

 Ogni giorno noi usiamo forze immense come i dormienti. Ciò che noi facciamo e pensiamo è colmo dell’essere dei padri e degli avi. (Walter Benjamin)

L'immenso albero della nostra genealogia

L'immenso albero della nostra genealogia

E’ del tutto logico pensare che la maggior parte delle difficoltà che incontriamo nella nostra vita sin dal primo giorno in cui veniamo al mondo siano ostacoli che compaiono accidentalmente, per sfortuna o per destino, un casuale intralcio o un improvviso sbarramento lungo il cammino della nostra esistenza. E se così non fosse?

(continua la lettura…)

Lascia un commento :, , , , Continua...

Prima del parto, nel ventre di nostra madre

Scritto da Dario Urzi il 15 nov, 2009, su Scuola del Benessere

“Il parto e tutto ciò che accade in quei mesi che precedono la nascita, segna il cammino che percorreremo nella nostra vita. Ogni avvenimento, ogni comportamento dei nostri genitori e delle persone vicine ha un senso che comprenderemo solamente quando la nostra consapevolezza si risveglierà. La percezione di chi siamo e di che cosa possiamo aspettarci dal mondo nel quale stiamo entrando si registra mentre stiamo vivendo quelle esperienze. Sono percezioni, quelle esperienze vissute, che non possiamo certo ancora chiamare idee, sono un profondo sentire che verrà poi tradotto e fissato in idee ed emozioni. L’ego, l’idea di chi siamo, comincia proprio a originarsi da quelle primissime esperienze”. (da “Essere nel Presente” di Marina Borruso)

Ma qualcosa mi permetto di aggiungere a queste vive, potenti e illuminanti parole di Marina Borruso.

Noi tutti pensiamo che il nostro nome e il nostro cognome, Dario Urzi, il vostro nome come il mio, ci siano stati dati nel giorno in cui siamo nati. Ma il nostro nome e il nostro cognome, un’identità e una storia a cui appartenere, esistevano già, ben prima della nostra nascita. 

(continua la lettura…)

Lascia un commento :, , , , , Continua...

Vi racconto la mia esperienza con la genealogia delle tensioni

Scritto da admin il 01 mag, 2009, su Scuola del Benessere

Ho vissuto la mia prima esperienza di Genealogia delle tensioni per curiosità; non sapevo cosa aspettarmi soprattutto al pensiero che le tensioni, le ansie e le paure di una persona (anche le mie!) sarebbero state rappresentate da altri che non conoscevo e che come me partecipavano per la prima volta a questo genere di incontro.

Con molta delicatezza, serenità e competenza, accompagnato dalla presenza di uno splendido e simbolico albero di Bonsai, il Dott. Dario Urzi ci ha accompagnati in questo viaggio di esplorazione in modo discreto utilizzando solo a tratti, quando necessario, le parole. La sua sicurezza e determinazione ci hanno consentito di scendere in profondità nei nostri vissuti personali senza forzature e passi avventati per giungere a vedere con i nostri occhi e a percepire con tutti i nostri sensi aspetti della nostra esistenza che mai avevamo toccato con mano e che, nitidamente presenti davanti a noi, diventavano magicamente fonte di nuova consapevolezza.

(continua la lettura…)

Lascia un commento :, , Continua...